Thursday, March 29, 2012

News: ERDF rescues Pompeii

From the Europolitics.info website:
ERDF rescues Pompeii
Thursday 29 March 2012

On 29 March, the European Commission approved co-financing from the European Regional Development Fund (ERDF) for a major project to restore the area of the UNESCO site of Pompeii in Italy. The project will lead to a total investment of €105 million of EU and national contributions combined. The objective is to preserve the site as a long-term tourism attraction for the region of Campania. At the end of October 2011, torrential rainfall caused serious damage to this archaeological site, while violent storms had already caused its partial collapse in 2010. In 2000-2006, the EU's regional policy already supported 22 restoration projects at the Pompeii site worth €7.7 million (50% of their total cost).

Wednesday, March 28, 2012

XIX Salone del Restauro di Ferrara

More information from the Soprintendenza about its contribution to the Salone del Restauro a Ferrara:

La Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei, nel l’occasione, presenta gli interventi di conservazione svolti ad Ercolano nell’ambito dell’ Herculaneum Conservation Project, con Packard Humanities Institute-British School at Rome, durante l’incontro-seminario che si svolgerà il 31 marzo, ore 13.00 – 14.00, presso la Sala Belriguardo, piano terra, pad.5:

Il modello dell’Herculaneum Conservation Project (HCP): un nuovo modo di pensare al futuro dell’antica Ercolano, fra archeologia, manutenzione e gestione 


Relatori: Maria Paola Guidobaldi, Direttore degli Scavi di Ercolano-SANP, Jane Thompson, Project Manager dell’HCP

More information here. Download the Herculaneum summary in the official brochure of the event.

News article: Via al progetto di restauro dell'antica villa romana

From La Repubblica:
Via al progetto di restauro dell'antica villa romana
Fu sepolta dall'eruzione vesuviana del 79 dopo Cristo. Il sito dista 8 chilometri da Pompei. I lavori dureranno un annodi PAOLO DE LUCAVia libera al progetto di recupero archeologico e ambientale dell’antica villa romana di Sant’Antonio Abate, sepolta dall’eruzione vesuviana del 79 dopo Cristo e distante 8 chilometri da Pompei.
I lavori dureranno un anno, coordinati dall’Istituto per la diffusione delle scienze naturali napoletano, presieduto da Claudio Salerno, dalla Soprintendenza archeologica di Napoli e Pompei e dal Comune di Sant’Antonio Abate.
Si punterà sul recupero del sito sia dal punto di vista architettonico che paesaggistico, ripristinando esattamente le stesse piantagioni e coltivazioni presenti nei campi intorno la domus, così come dovevano apparire nel primo secolo.
“Lavoriamo ad una vera e propria finestra sull’antica agricoltura romana” ha spiegato Claudio Salerno, “favorendo la nascita di un orto didattico tramite specifiche ricognizioni biologiche e paleobotaniche”.
Indagini simili partirono a Pompei già nel 2001 col Laboratorio di Ricerche applicate della Soprintendenza, sugli orti ed i vigneti locali (da cui viene tutt’oggi prodotto il vino “Villa dei Misteri”).
Per la Villa di Sant’Antonio Abate si è iniziato invece nel 2009. Entro fine 2012 si chiuderà anche quest’ultima tranche del progetto di recupero, finanziato per 50 mila euro, con la riapertura dello scavo ed una mostra su storia e ritrovamenti.
Read the full story here.

Tuesday, March 27, 2012

News article: Pompei, scavi senza pace: sequestrata area a rischio amianto

From Il Mattino, news that asbestos was deliberately buried under lapilli outside the scavi. Not sure what to make of this ...
Pompei, scavi senza pace: sequestrata area a rischio amianto
«C’è amianto sotto i lapilli. Mi dissero di depositare il materiale inquinante nel perimetro interno dell’area archeologica». È la rivelazione choc che un dipendente della soprintendenza, affetto da tumore ai polmoni, ha reso ai carabinieri, nell’ambito dell’inchiesta sulla presenza di amianto negli uffici frequentati dai dipendenti degli Scavi , avviata dalla procura di Torre Annunziata. Ieri il capo della procura Diego Marmo ha disposto il sequestro giudiziario di circa duemila metri quadrati di un’area compresa nel percorso «extra-moenia», a Porta San Paolino, ai piedi dell’edificio di nuova costruzione catalogato come il «mostro» per l’ambiguo designer.

Una passeggiata archeologica accessibile ai turisti, in particolar modo ai diversamente abili. I visitatori, dunque, calpestano ignari terreno «avvelenato».
I carabinieri pompeiani, agli ordini del maggiore Luca Toti e del maresciallo capo Tommaso Canino, nei giorni scorsi avevano effettuato un primo sopralluogo dell’area, ieri sottoposta a sequestro, accompagnati dal dipendente che, con sicurezza e determinazione, aveva indicato loro il luogo preciso dove, nel corso degli anni, gli era stato «ordinato» di seppellire il materiale che, a suo dire, è costituito da eternit. Ad accertare se realmente sotto quel cumulo di terra e lapilli sono state occultate sostanze velenose, sarà la perizia disposta dal capo della procura di Torre Annunziata Diego Marmo.

Sulla questione interviene il segretario della Cisl Antonio Pepe: «Se dovessero ritrovare riscontro i sospetti degli inquirenti, per questa grave disattenzione non faremo sconti a nessuno. Sarebbe una mancanza imperdonabile per le unità operative di protezione e di prevenzione, a cui purtroppo è affidata la salute dei lavoratori, per non aver vigilato sul corretto smaltimento dei rifiuti speciali». L’unica certezza, per adesso, è che purtroppo il 59enne operaio della soprintendenza sta affrontando una dura battaglia per vincere un tumore maligno ai polmoni e che, secondo quanto dichiarato agli inquirenti «la malattia sarebbe stata causata dal respiro delle polveri sottili rilasciate dal materiale che per anni ha trasportato da un luogo all’altro tra gli antichi reperti». 

Read the full story here.

The Herculaneum Conservation Project on YouTube

Just like to share this video on the Herculaneum Conservation Project and the results of the ten years of work at the archaeological site. The video was prepared for the Salone del Restauro di Ferrara, but may be of interest to a wider audience...?
Feedback welcome so we can improve our next one!


Monday, March 26, 2012

Image request

A quick image request: I am looking for images of reconstructions of domestic interiors, ones which include wall paintings, but also furniture and, if at all possible, lighting.
These images don't have to be 100% "accurate"--it's to illustrate a point I will make in a conference paper about the undue focus scholars place on the interpretations of wall paintings. Well, what I think is undue focus considering other "distracting" elements in these interiors--furniture, lighting elements, domestic objects with other figural decoration, etc. In other words, I simply want to give the impression these suites of multi-media decoration had.
Any help is appreciated! Thanks!

____________________________
Sto cercando immagini di ricostruzioni di interni domestici, quelli che comprendono affreschi, ma anche mobili e, se possibile, l'illuminazione.
Questi immagini non devono essere al 100% "scientificamente precisi" - sono per illustrare un punto che farò in una presentazione sulle interpretazioni degli affreschi: che c'è attenzione eccessiva su decorazione murale, considerando altri elementi di "distrazione" in questi interni - mobili, lampade, oggetti domestici con altri decorazione figurale, ecc.
Grazie!



Fasti Online: Pistrinum V 3, 8

From FastiOnline, results of the 2010 campaign in V 3, 8:

L’edificio si affaccia sulla Via di Nola e occupa il settore sud-orientale dell’ insula. La fase più antica del complesso risale alla fine del III secolo a.C., come testimoniano alcune pareti in opera a telaio delle fauces, dell’atrio 11 e del viridarium 7. La definizione planimetrica della domus si realizza nella seconda metà del II secolo a.C. con l’edificazione di strutture in opus incertum di calcare e lava.

L’abitazione è riconducibile al tipo di casa ad atrio con impluvio centrale, tablino (10) e cubicula (3 e 4) affacciati sul lato orientale dell’atrio. Nella pars postica vengono realizzati il vano 6 e un piccolo ambiente (14) accessibile attraverso una stretta porta ad arco. Rimangono tracce dell’apparato decorativo parietale e pavimentale di primo Stile. L’edificio era dotato di un piano superiore raggiungibile dall’ambiente 9.

Tra il I secolo a.C. e la prima metà del I secolo d.C. il complesso è interessato da una serie di cambiamenti che determinano la trasformazione dell’abitazione in pistrinum. La planimetria dell’edificio rimane inalterata, ma negli ambienti già esistenti vengono realizzate nuove strutture collegate al ciclo della panificazione, che ne cambiano la destinazione funzionale. Nell’atrio, l’impluvio viene trasformato in una doppia vasca per il lavaggio del grano, e tre macine vengono poste su una base in muratura, circondata da un pavimento lastricato. L’ambiente 2, una bottega di pertinenza alla precedente domus, diviene il luogo per la lavorazione del pane: l’apertura sulla Via di Nola viene obliterata e all’interno vengono collocate una macchina impastatrice e un banco da lavoro. Il forno viene inserito nell’angolo sud-orientale dell’atrio.

Dopo il terremoto del 62 d.C. l’edificio viene ristrutturato nelle parti danneggiate, localizzate soprattutto nella pars postica. Al momento dell’eruzione del 79 d.C. erano in corso importanti operazioni di restauro di cui un’importante documentazione, come emerso nel corso delle campagne di scavo 2008 e 2009, rimane in particolare per l’ambiente 2.

More here.

Article: Gli “scheletri” tornano nei fornici dell’antico porto

From ArcheoRivista:

Fino al 1980 si era creduto che a Ercolano gli abitanti fossero riusciti a salvarsi dalla furia dell’eruzione del Vesuvio probabilmente via mare. Questo si pensava perché in città si erano trovati fino ad allora i corpi di pochi individui. In realtà la storia era destinata a essere riscritta. Nella zona meridionale della città fu riportato alla luce un vasto tratto dell’antica spiaggia di sabbia vulcanica nel 79 d. C. protetta da una scogliera. Sulla spiaggia si aprivano dodici ambienti voltati con ingresso ad arcata che erano usati come magazzini o rimesse per le barche.

Ed è proprio all’interno di questi ambienti che gli archeologi fecero una delle scoperte più sensazionali dell’archeologia ercolanese: i corpi di 300 individui che durante l’eruzione si erano rifugiati sotto i fornici in attesa che il mare si calmasse prima di cercare di scappare con le barche. La loro speranza fu però vana perché il mare prima si ritirava, poi, improvvisamente, arrivava sulla spiaggia con onde enormi. [...]

Oggi gli scheletri senza nome di Ercolano sono tornati dove hanno vissuto le loro ultime ore di vita. I fornici della marina li hanno nuovamente accolti e presto, forse durante la XIV Settimana della Cultura dal 14 al 22 aprile 2012, saranno visibili. Per adesso sono ancora nascosti dietro degli scuri teloni. In realtà i visitatori dell’area archeologica, percorrendo una passerella, potranno vedere degli scheletri i calchi realizzati in laboratorio copiando le ossa originali e rimpiazzando le parti mancanti.

More here.

Friday, March 23, 2012

News article: Città sommerse, antri sacri e vinoterapia: esplode la primavera nei Campi flegrei

From Corriere del Mezzogiorno:
Città sommerse, antri sacri e vinoterapia: esplode la primavera nei Campi flegrei
Anche quest'anno tante iniziative da Pozzuoli a Miseno: visite archeologiche, escursioni sportive e gastronomia

NAPOLI - Torna la primavera e «si risvegliano» le centinaia di iniziative per promuovere il territorio dei Campi Flegrei, suggestiva zona archeologica e paesaggistica a nord di Napoli. Oltre sessanta soggetti tra associazioni, cooperative, aziende turistiche, produttori agricoli locali, cantine, ristoranti, bar, diving, artisti, editori, scuole hanno infatti organizzato anche quest’anno la «Primavera nei Campi Flegrei», un ricco cartellone di eventi che si svilupperà tra il 21 marzo e il 20 giugno. La kermesse è promossa e coordinata dall’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli, ma tutti gli eventi, autofinanziati, sono organizzati dai singoli soggetti. Alcune manifestazioni sono gratuite. Lo scorso anno furono migliaia i turisti che parteciparono alle iniziative. Quest’anno la manifestazione si ripete raddoppiando le iniziative.
See here for the calendar of events.

Thursday, March 22, 2012

News article: Pompei: Soprintendenza, biblioteca aperta e funzionante

Good news from La Repubblica:
Pompei: Soprintendenza, biblioteca aperta e funzionante
Pompei, 22 mar. (Adnkronos) - La biblioteca di Pompei non e' chiusa. Lo afferma la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei che smentisce sia stato preso alcun provvedimento in merito da parte della Asl. Secondo quanto apprende l'Adnkronos i libri della biblioteca sarebbero tutti integri, salvi e consultabili. L'unica differenza e' nella dislocazione dei dipendenti non presenti negli ambienti della biblioteca ma in una stanza attigua, a causa di lavori di adeguamento della struttura.

Article: Sant’Antonio Abate (Na). Rivive la villa romana di località Casa Salese

From ArcheoRivista:
Sant’Antonio Abate (Na). Rivive la villa romana di località Casa Salese

Tra la primavera e l’estate del 1974, fu intercettata ed esplorata solo in parte per la presenza di terreni adibiti a coltivazione, una villa rustica romana del I sec. d. C. sepolta dall’eruzione del Vesuvio del 79 d. C. Il luogo del ritrovamento era un fondo privato di proprietà della famiglia Cuomo, che diede l’assenso alle indagini archeologiche. Il territorio di Sant’Antonio Abate, oggi confinante con quello dell’antica Stabiae doveva essere, circa 2000 anni fa, costellato di numerose fattorie proprio come quella di località Casa Salese.
Oggi si punta a dare nuova vita a questo sito spesso dimenticato ed è per questo che è stato stipulato un accordo tra il sindaco di Sant’Antonio Abate, Antonio Varone, e Claudio Salerno,responsabile dell’Istituto per la diffusione delle Scienze Naturali che lavorerà in stretta collaborazione con la Soprintendenza speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei. Lo scopo principale è di sviluppare un progetto culturale e scientifico mirato a favorire la conoscenza dell’area archeologica. Si partirà quindi, dal cercare di capire la situazione ambientale in cui si trovava la villa, in che modo si lavorava la terra e i rapporti commerciali che si intrattenevano.
Con l’ausilio di tecniche multimediali si creeranno installazioni video, sonore ma soprattutto olfattive. Ed è questa la grande novità: tra circa un anno il visitatore potrà sentire gli odori delle olive, dell’uva, dei fiori che 2000 anni fa nascevano dalla terra di Casa Salese. La zona della villa interessata sarà quella del larario. Analogo progetto è stato pensato anche per gli altri siti cosiddetti minori: Oplontis e Stabia.
Read the full article here.

Wednesday, March 21, 2012

Event (in Athens): A decade of Finnish studies in the insula of the house of Marcus Lucretius






Antero Tammisto, Project leader of the Expeditio Pompeiana Universitatis Helsingiensis, will give a lecture intitled "Decade of Finnish studies in the Insula of the House of Marcus Lucretius in Pompeii in 2002-12" in Athens on March 30, at the Finnish Institute.
More here, the invitation there.

Article: Via Consolare Project – 2007-2011 Field Seasons in Insula VII 6 (FOLD&R)

A new FOLD&R article:

Michael A. Anderson, Claire J. Weiss , Briece R. Edwards, Megan Gorman, Daniel Jackson, Richard Hobbs , Victoria Keitel, Clare O’Bryen, Stephanie Pearson, Erin Pitt, Aurora Tucker, "Via Consolare Project – 2007-2011 Field Seasons in Insula VII 6", FOLD&R, 247, 31 p., 2012.

Available on your browser or by download.

Book review: Apolline Project Vol. 1

Bryn Mawr Classical Review 2012.03.25

Girolamo F. De Simone, Roger T. MacFarlane (ed.), Apolline Project Vol. 1. Studies on Vesuvius’ North Slope and the Bay of Naples, Quaderni della ricerca scientifica: serie beni culturali 14. Naples; Provo, UT: Università degli Studi Suor Orsola Benincasa; Brigham Young University, 2009. Pp. 380. ISBN 9788896055007.

Reviewed by Myles McCallum.

News article: Crollo scavi, in atto un sopralluogo a Pompei. Stella: "Un mostro di cemento nella città antica"

From MetropolisWeb:
Crollo scavi, in atto un sopralluogo a Pompei. Stella: "Un mostro di cemento nella città antica"

Un sopralluogo per verificare quanto accade, o meglio quanto non accade, all’interno degli scavi di Pompei. In queste ore, infatti, l’ex presidente del Consiglio Superiore dei Beni culturali, Salvatore Settis, accompagnato dal giornalista e scrittore Gianantonio Stella, autore di un libro su Pompei, “L’assalto alle bellezze d’Italia”, stanno effettuando una visita nell’area archeologica per rendersi conto di quello che è avvenuto negli ultimi anni ad oggi.

“Un vero e proprio mostro di cemento”, ha sottolineato Stella, riferendosi agli ultimi interventi di restyling che hanno interessato il Teatro Grande. “Lavori con tecniche moderne che hanno guastato l’architettura dell’opera”.
Read the full article here.

Tuesday, March 20, 2012

More on library closing

not really a big surprise but this one has a video/interview

http://video.ilsole24ore.com/TMNews/2012/20120319_video_18484933/00001599-pompei-chiude-la-biblioteca-non-a-norma-e-a-rischio-amianto.php


and still no word on where its all going/access to collections--anyone have any further, behind the scenes info?

Monday, March 19, 2012

Review: Papyri from Herculaneum

The Classical Review 62.1:

Papyri from Herculaneum 
(A.) Antoni, (G.) Arrighetti, (M.I.) Bertagna, (D.) Delattre (edd.) Miscellanea Papyrologica Herculanensia. Volumen I. (Biblioteca di Studi Antichi 93.) Pp. 335, ills. Pisa and Rome: Fabrizio Serra Editore, 2010. Paper, €145 (Cased, €290). ISBN: 978-88-6227-185-1 (978-88-6227-212-4 hbk).

Reviewed by Simon Trépanier

Review BMCR 2012.03.21 Johann Joachim Winckelmann: Letter and Report on the Discoveries at Herculaneum

Bryn Mawr Classical Review 2012.03.21:

Carol C. Mattusch (ed.), Johann Joachim Winckelmann: Letter and Report on the Discoveries at Herculaneum. Los Angeles: J. Paul Getty Museum, 2011. Pp. ix, 230. ISBN 9781606060896. $50.00 (pb).

Reviewed by Balbina Bäbler, Göttingen

XX Giornata FAI di Primavera - open archaeological sites in Campania


Next weekend (24-25 March), the Fondo Ambiente Italiano (FAI) will open 670 heritage sites in Italy; this is a great occasion to visit archaeological sites which are usually closed to the public.
A complete list of heritage sites open in Campania for this occasion is available here; among those, the archaeological sites in the province of Napoli are:

CATACOMBE DI SAN GENNARO - Indirizzo: Via Tondo di Capodimonte,13, 80100 Napoli (NA)
Bene fruibile a persone con disabilità fisica
Orario: Sabato 24, ore 10.00 – 17.30
Note orario: Visite guidate con partenza ogni mezz’ora a cura delle guide delle Catacombe di Napoli solo su prenotazione: tel. 081 7443714 – e-mail prenotazioni@catacombedinapoli.it Il percorso è fruibile anche da persone con disabilità fisica: ingresso da Vicoletto San Gennaro dei Poveri, 22
Descrizione: La catacomba di S. Gennaro. tra le prime per ampiezza e valore storico artistico, è nota essenzialmente per gli affreschi della volta risalenti alla fine del II secolo. Composta di due livelli non sovrapposti, gli elementi che maggiormente caratterizzano la catacomba superiore, sono la piccola "cripta dei vescovi", dedicata alla memoria dei primi quattordici vescovi napoletani e la maestosa "basilica maior"; dove è posta la tomba di S. Gennaro.

TEATRO ROMANO DI NEAPOLIS ALL'ANTICAGLIA
(with an amusing promotional video here)
Indirizzo: Via San Paolo, 5, 80100 Napoli (NA)
Orario: Sabato 24 e Domenica 25, ore 9.00 – 13.00
Note orario: Visite guidate solo su prenotazione per posti limitati. Per prenotazioni: tel. 081 7618514 - e-mail: delegazionefai.napoli@fondoambiente.it (dal lunedì al venerdì, ore 10.00 - 13.00). Per motivi di sicurezza non è consentita la visita ai bambini in passeggino e comunque minori di anni 6. Si consiglia di indossare scarpe comode e senza tacco
Descrizione: Il teatro Romano di via dell’Anticaglia, definito erroneamente “neroniano” in base ad un passo di Svetonio, è in realtà una costruzione della tarda età flavia. Il teatro andato completamente sepolto fu identificato soltanto nel XVI durante l’apertura di vico Cinque Santi dai Padri Teatini. Gli scavi hanno messo in luce una ampia parte della cavea semicircolare, i cui gradini erano ricoperti di marmo bianco e costituita da 23 settori radiali dei quali alcuni fungevano da ingresso per il pubblico.


SITO ARCHEOLOGICO DI POLLENA TROCCHIA
Indirizzo: Via Vasca Cozzolino, 80040 Pollena Trocchia (NA)
Orario: Sabato 24 e Domenica 25, ore 10.00 – 18.00
Note orario: Visite guidate a cura dei volontari dell'Apolline Project e dell'Associazione Culturart Onlus
Descrizione: Sito Archeologico

COSIDDETTA VILLA DI AUGUSTO A SOMMA VESUVIANA
Indirizzo: Via Starza della Regina, 80049 Somma Vesuviana (NA)
Orario: Sabato 24 e Domenica 25, ore 9.00 – 13.00 / 15.00 - 17.00
Note orario: Visite guidate con partenza ore 10.00 / 11.00 / 12.00 / 15.00 / 16.00, a cura dei volontari della Pro Loco di Somma Vesuviana
Descrizione: Sito Archeologico

If you are planning to visit the two archaeological sites on the northern slope of Vesuvius, please visit this webpage for detailed directions and the Apolline Project website for additional information and photos of the archaeological sites.
At the archaeological site in Pollena Trocchia, the tour will be led by archaeologists and volcanologists who excavated it; I am also organising special tours led by schoolchildren and areas of the site where restorers, bone specialists, etc. show their modus operandi. Furthermore, the Associazione Culturart Onlus will let visitors create their own pots, in late antique fashion! If you come to Pollena Trocchia, please consider visiting also the primeval small volcanic cones area and the Villa Cappelli (with a fake Roman ruin built by a Neapolitan nobleman two centuries ago); both sites are also included among the sites open for this special occasion.

Thursday, March 15, 2012

Library at Pompei closing

Apparently the library at Pompei is closing due to poor conditions/materials in bad shape...wonder where it will all be relocated to and how accessible the materials will be for research in the near future?

http://www.napolitoday.it/cronaca/pompei-biblioteca-chiusa.html

in other news, apparently even when modern structures collapse at Pompei, its newsworthy...sigh. soon it will be everytime someone sneezes...

http://www.lettera43.it/attualita/43465/pompei-crolla-una-struttura-in-legno.htm

Wednesday, March 14, 2012

More information on Pompeian northern suburbium's preliminary plan

Just a quick update on the preliminary plan for Pompeii's northern suburbium presented by the Mayor of Pompeii Claudio D'Alessio two days ago in New York.
I'm temporarily hosting the files of the panels, the leaflet, and the booklet of "Pompei rivive" on the Apolline Project's website, at the following web address, while the town creates the official website of the project.
www.apollineproject.org/pompei.html
Please feel free to download the files and distribute them (and yes, they are in English too). Soon a short video will be uploaded on youtube, I'll keep you posted. Please consider that the plan is still in a preliminary stage, these files are shared in the hope to receive some feedback on how to improve the project.

For the people who might be concerned that this project could drain resources from the restoration of the ancient city, I would like to stress that - unfortunately or luckily - the administration of modern Pompeii cannot interact with the administration of the ancient city, for which only the Ministry of Culture, through the Superintendency, is responsible. Hopefully the restoration of the villae in the countryside will stimulate more restoration in the city too.

Book: Gli spazi verdi nell'antica Pompeii


First seen on ArcheoRivista, a new book about gardens and plants in Pompeii, written by A. Ciarallo:

A. Ciarallo (with appendix by C. Giordano), Gli spazi verdi dell’antica Pompei, Roma, Aracne, 2012. 680 p. 32€ (electronic version: 22€)

ISBN: 978-88-548-4509-1







Summary from the editor's site:

Nel momento stesso in cui, a partire dal 1750, i resti dell’antica Pompei, seppellita da una violenta eruzione del Vesuvio nel 79 d. C., tornarono alla luce, si delineò il rapporto tra vegetazione e rovine, ma solo poco più di un secolo dopo, quando si impose con Giuseppe Fiorelli lo scavo stratigrafico, ritornarono alla luce le superfici nella loro interezza e con esse i pavimenti, le strade e i giardini, dimostrando così che la città sepolta non era fatta di sole strade e edifici, ma anche di tantissimi spazi verdi sia pubblici che privati, di cui molti arredati: in particolare i quartieri periferici che si sviluppavano intorno all’Anfiteatro ne ospitavano un gran numero con diverse destinazioni d’uso. Solo a partire dagli anni ’70, però, con l’utilizzo di nuove tecniche di indagine, è stato possibile definire le specie che effettivamente vi si coltivavano, permettendo così ricostruzioni filologicamente più corrette. Gli orti e i giardini dell’antica Pompei costituiscono, dunque, un documento unico al mondo, perché testimoniano l’organizzazione del verde in una antica città romana, sebbene di provincia, di duemila anni fa.

Summary from Archeorivista:

Una pagina importante della riscoperta di Pompei è stata scritta dalle specie vegetali che nel corso dei facilmente si lascia avvicinare anche dai non addetti ai lavori. Il volume s’intitola “Gli spazi verdi dell’antica Pompei” ed è stato redatto da Annamaria Ciarallo, fino allo scorso anno responsabile del Laboratorio di Scienze applicate della Soprintendenza speciale di Napoli e Pompei. Un lavoro impegnativo, quello del Laboratorio, ma che ha portato negli anni a risultati davvero insperati come l’individuazione di varietà di piante assolutamente particolari e che si pensavano scomparse per sempre, ma che duemila anni fa, erano il sostentamento principale delle popolazioni della fascia vesuviana.

La dottoressa Ciarallo, con l’ausilio dell’archeologa Chiara Giordano che ha lavorato alle appendici, espone nel suo poderoso lavoro, tutti gli elementi culturali, storici e scientifici che in anni di studi e ricerche sono emersi dalle analisi di tutti i tipi di piante presenti negli orti e nei giardini pompeiani. E così platani, limoni, noci, ciliegi, mandorli, cotogni, meli, susini, melograni e i chiodi di garofano importati dall’Oriente, sono stati studiati, catalogati in modo da svelarne tutti i segreti in particolare quelli riguardanti la coltivazione.

More here.


Monday, March 12, 2012

Protect Hadrian's Villa

A message from Bernie Fischer:
Please forward this to your family, friends, and colleagues.

Dear colleague,
I write about an urgent matter: the the regional government of Rome, Italy (the Regione Lazio) is giving serious consideration to a plan to create a new 400-acre garbage dump 700 meters from Hadrian's Villa, the World Heritage site near Tivoli. I know that many of you will find this incredible, but, alas, it is true.
A group of concerned scholars and cultural heritage professionals from North America and Europe has posted an online petition to express our strong opposition to the plan. In a few short days, we have gathered over 1,300 signatures. Below are listed some of the people who have already signed and whom you may know.
Articles are starting to appear in the Italian press about our petition, which is being cited with approval by the opposition forces in the battle. These include, among many others, the City of Tivoli and the Italian Ministry of Culture. CBS News has a nice segment about the story which you can view at: http://www.cbsnews.com/8301-500202_162-57349208/stink-raised-over-landfill-at-ancient-rome-site/
The decision about this irresponsible plan will soon be made. Time is short. Please follow the link below and add your name to our petition:


 
The Petition
We appeal to the Extraordinary Commissioner for Refuse of the Regione Lazio to reverse the decision to install a landfill for refuse at Corcolle-Villa Adriana-San Vittorino.

This is an area of immense cultural and natural value not only for Italy but for all of humanity.To speak only of the most obvious site that requires our watchful and eternal protection, we note that Hadrian's Villa is only a short distance from the proposed landfill. This unique UNESCO World Heritage Site is visited each year by hundreds of thousands of tourists from around the world. It is unconscionable that it or its immediate surroundings should suffer degradation of the kind that the proposed landfill clearly represents. Local authorities have already made known their willingness to find an alternative solution. The Ministry of Cultural Property and Activities has also properly expressed its concern. We, the undersigned archaeologists, scholars, scientists, and members of the general public from all over the world now join with an increasingly large number of Italian citizens to raise our voices in protest of the project to create a landfill at Corcolle-Villa Adriana-San Vittorino. We hope that it is not too late for reason and a decent respect for the past to prevail.