Monday, June 11, 2012

News article: Che teatrino! Al ministero si litiga per gli scavi di Pompei.

From Il Gazzettino Vesuviano:
Che teatrino! Al ministero si litiga per gli scavi di Pompei.Soprintendente:“Pompei a rischio per troppi turisti”. Resca: “Una pazzia pensare di limitare gli accessi”
Scontro pubblico a distanza tra i vertici del Ministero per i beni e le attività culturali. Oggetto del contendere: la gestione dell’area archeologica di Pompei. Dettaglio del contendere: a Pompei i troppi turisti (oltre 2.300.000 annui) danneggiano gli scavi, bisogna ridurli o incrementarli? Protagonisti: da un lato la soprintendente Cinquantaquattro e il direttore generale per l’archeologia Malnati (con alcuni distinguo: ”…manca la manutenzione ordinaria” ha scritto, ma chi dovrebbe farla se non la soprintendenza che dipende dai suoi indirizzi?) e dall’altra il direttore generale per la valorizzazione, Resca, severo censore delle opinioni degli archeologi.
Non si tratta di confronto tra opinioni, che serve, ma della ulteriore prova che al Ministero manca una linea chiara e univoca sulle strategie globali per Pompei. Come potrà essere possibile dialogare con il mondo e dimostrare che l’Italia è impegnata con tutti i suoi uomini migliori ad attuare strategie utili alla conservazione degli scavi e alla loro valorizzazione?
Read more here.

Would limited the number of tourists have a positive effect on the conservation of Pompeii? Does anyone have an opinion? It seems to me that although there might be less damage to the site, there would also be less money to spend on conservation and maintenance. Would it not be better to educate tourists about the problems the site faces?