Friday, October 5, 2012

News: Alle porte di Pompei scoperto un vigneto d'età romana tra i meglio conservati di sempre

Alle porte di Pompei scoperto un vigneto d'età romana tra i meglio conservati di sempre
Intorno a quella che un giorno sarebbe stata la sua tomba, Trimalcione voleva un orto, un frutteto ma soprattutto un vigneto. Facile comprendere dove il liberto arricchito del «Satyricon» di Petronio volesse andare a parare: nell'economia primaria del I secolo dopo Cristo, il nettare di Bacco era moneta sonante. Non c'è da stupirsi allora che intorno alla ricca Pompei si distendessero un tempo ettari coltivati a vite a perdita d'occhio. E che proprio a una manciata di chilometri dalla città sepolta dall'eruzione vesuviana del 79 d.C. sia stato in questi giorni ritrovato quello che presumibilmente è uno tra vigneti meglio conservati di età romana.

A portarlo alla luce una campagna di scavo condotta dall'Istituto archeologico germanico di Berlino e finanziata dal Deutsche Forschungsgemeinschaft, ossia l'equivalente tedesco del nostro Cnr.
 
Lavori diretti da Florian Seiler, archeologo da lungo tempo attivo nell'area vesuviana che ha coordinato uno staff internazionale e interdisciplinare, all'interno del quale figurano Pia Kastenmeier, Domenico Esposito e Catello Imperatore. Luogo del rinvenimento, il comune di Scafati, confinante con Pompei ma rientrante nella giurisdizione della provincia di Salerno e, quindi, di competenza della locale Soprintendenza archeologica guidata da Adele Campanelli.
Read the full story (with a few photos) here. Congratulations to all involved!